Cronaca

“Non respira più”: choc per neonata della Valle. La corsa del 118

di  Redazione  -  14 Febbraio 2020

 

 

MONTESARCHIO. La piccola ha solo 30 giorni di vita, all’improvviso, questa mattina, la mamma si è resa conto che non stava respirando più.

La neonata, infatti, aveva le vie aeree ostruite. La madre disperata, vedeva la piccolina diventare cianotica e non sapeva cosa fare.

 

Ha preso il cellulare ed  ha chiamato il 118 e in via Cirignano a Montesarchio sono arrivati tre angeli vestiti da medico, infermiera ed autista. L’autista ha fatto volare l’ambulanza, dalla chiamata alla centrale operativa all’arrivo sul posto a Montesarchio sono trascorsi meno di cinque minuti.

 

Il medico e l’infermiera si sono subito resi conto di quello che stava avvenendo ed hanno dovuto mantenere il sangue freddo perchè sapevano che ogni frazione di secondo era preziosa per salvare la vita alla neonata. Mentre intorno a loro, si scatenava il panico della mamma e degli altri parenti, immediatamente hanno iniziato a trattare la piccola che continuava a non respirare.

 

In due minuti di orologio le hanno disostruito le vie aeree  e le hanno somministrato ossigeno. Hanno caricato la neonata sull’ambulanza ed il mezzo di soccorso, sotto la pioggia, è corsa verso l’ospedale. Le mani salde sul volante e gli occhi piantati sulla strada, l’autista è rimasto concentrato al massimo, mentre il cuore batteva all’impazzata.

 

Dietro di lui, medico e infermiera erano ancora più concentrati, hanno continuato a trattare la neonata che ha ripreso a respirare, un poco per volta, mentre la mamma, anch’essa a bordo ambulanza, si affidava con le preghiere al Signore.

 

Ci sono voluti meno di venti minuti per arrivare al pronto soccorso dell’ospedale di Benevento, dove la piccolina è stata presa in carico dai sanitari dell’ospedale che dopo poco hanno dato la notizia più bella, la neonata ora è fuori pericolo.

A via Cirignano di Montesarchio, questa mattina, si sono vissuti momenti terribili, si è temuto il peggio, ma poi la grande professionalità e l’estrema passione degli operatori del 118 hanno  fatto il miracolo.

La bimba è fuori pericolo, oggi è San Valentino ed il santo dell’amore ha fatto il miracolo, mandando a Montesarchio i tre angeli, vestiti da operatori del 118.

.