Cronaca

Uccide un vigilante, già fuori dal carcere per festeggiare i 18 anni: la rabbia della figlia

Regionale.  Permesso premio per l’assassino di Franco Della Corte, il vigilante colpito a morte  il 16 marzo del 2018 in una metro di Piscinola, in provincia di Napoli.

 

Dopo  neppure un anno di carcere e con a carico una condanna di sedici anni e mezzo, il ragazzo ha ricevuto l’ok per festeggiare il suo diciottesimo compleanno fuori dalla casa circondariale.

 

Una scelta che forse collima con l’elemento rieducativo proprio della nostra idea di reinserimento sociale, ma è certamente condivisibile il dissenso manifestato dalla famiglia del vigilante ammazzato che proprio non ci sta. A renderlo chiaro è uno sfogo della figlia dell’uomo:

 

“A chi gli ha accordato il permesso mi permetto di ricordare che di recente ho compiuto 22 anni ma non ho spento candeline e non ho avuto torte e regali. E lo sa perché? Perché chi oggi festeggia ha ucciso mio padre, la persona più importante della mia vita”.

 

Si tratta di parole dure, sintomatiche di un dolore profondo che non può essere evitato.

 resta aggiornato sulla tua citta’

Se vuoi ricevere le nostre news via whatsapp basta cliccare sul pulsante sotto salvare il numero ed indicare la città  REGISTRATI