Cronaca

Far west nella sala scommesse, preso in provincia l’ultimo ricercato. NOMI E VIDEO

Pomigliano d’Arco. stato arrestato il quarto complice della rapina avvenuta in una sala scommesse di Quarto la notte del 20 luglio scorso in cui i rapinatori rischiarono di uccidere un dipendente.

L’arresto è avvenuto a Pomigliano D’Arco, ad opera dei carabinieri che hanno ammanettato Salvatore Somma, 33 anni, in esecuzione dell’Ordinanza di Custodia Cautelare emessa dal Tribunale di Napoli, per i reati di rapina aggravata e tentato omicidio in concorso. Il provvedimento è scaturito dalle indagini condotte da militari della Compagnia Carabinieri di Pozzuoli, dirette e coordinate dalla Procura della Repubblica di Napoli, Settima Sezione, sulla rapina consumata alle ore 00,05 circa del 20 luglio scorso, nella sala scommesse situata a Quarto in cui è rimasto gravemente ferito il dipendente Diego Scaramuzzo

Gli elementi raccolti, grazie anche all’analisi delle immagini dei sistemi di videosorveglianza privata, hanno permesso di configurare un solido quadro indiziario a carico dei due cugini omonimi, Beniamino Cipolletta, entrambi napoletani di 22 e 18 anni, del 28enne partenopeo Vincenzo Baia, e successivamente a carico di Salvatore Somma quale ultimo componente della banda di rapinatori. Il suo compito nel corso della rapina è stato quello di guidare l’auto della banda. Mentre avveniva la rapina, inoltre, Somma ha nascosto l’auto e l’ha posizionata in modo da poter fuggire più velocemente e nell’attesa della fuga, ha fatto da “palo” ai suoi complici. Somma è stato rinchiuso nel carcere di Poggioreale.

 resta aggiornato sulla tua citta’

Se vuoi ricevere le nostre news via whatsapp basta cliccare sul pulsante sotto salvare il numero ed indicare la città  REGISTRATI