Capua e Agro Caleno

Rapina a luci rosse, colpo di scena: scagionato e liberato il presunto picchiatore

Capua/Santa Maria Capua Vetere. Colpo di scena nel processo sulle rapine a luci rosse nei pressi della stazione ferroviaria di Capua. E’ stato liberato e scagionato infatti Walter Nocera, il 43enne arrestato lo scorso novembre e finito sotto processo per rapina e lesioni personali. Il verdetto ha ribaltato l’impianto accusatorio: Nocera è stato infatti assolto perchè il fatto non sussiste e immediatamente liberato. Era agli arresti domiciliari e da qualche ora è a piede libero.

I guai per Nocera cominciarono con la testimonianza di un anziano, rapinato dopo una proposta a luci rosse: la vittima riferì che mentre si trovava a Capua nei pressi della fermata del bus, era stata avvicinato da un giovane, di circa 30 anni, che l’aveva invitato a seguirlo a Santa Maria Capua Vetere, dove le avrebbe fatto incontrare una ragazza in una masseria. Successivamente il giovane conduceva l’anziano dapprima al bar vicino alla stazione per, poi, prendere il treno che avrebbe consentito loro di raggiungere il centro sammaritano. Giunti alla stazione ferroviaria percorrevano una parte del centro abitato fino a giungere in un casolare di campagna ove il giovane invitava l’anziano ad entrare per incontrare la ragazza.

È proprio in questo frangente che la vittima, immediatamente dopo essere entrata nel casolare, veniva colpita con un bastone in legno nonché percossa ripetutamente in varie parti del corpo. Subito dopo il rapinatore le strappava la tracolla prelevando dal suo interno il portafogli da cui sottraeva la somma di 200 euro. L’analisi dei tabulati telefonici e dei filmati delle telecamere di sorveglianza portarono all’individuazione di Nocera, ma il responso del tribunale in primo grado ha ribaltato lo scenario mandando assolto l’uomo.

 resta aggiornato sulla tua citta’

Se vuoi ricevere le nostre news via whatsapp basta cliccare sul pulsante sotto salvare il numero ed indicare la città  REGISTRATI