Cronaca

Autopsia sulla piccola Jolanda. La madre si difende: “Non ho reagito per paura di essere picchiata”

Nocera Inferiore. La piccola Jolanda potrebbe essere stata strangolata. La bimba di otto mesi arrivata cadavere venerdì notte all’ospedale Umberto I di Nocera Inferiore è morta non per cause naturali, è quanto sarebbe ormai chiaro dopo che ieri i medici legali Rosanna di Concilio e Giuseppe Consalvo hanno eseguito l’autopsia sul corpicino della lattante.

Gli investigatori avrebbero chiesto ai medici dell’ospedale Umberto I di Nocera di sottoporre la piccina ad una tac alla testa e al volto – per capire se potesse aver ricevuto colpi in viso e controllare quei segni di strangolamento che aveva al collo. Il padre della bimba Giuseppe Passariello, in carcere con l’accusa dell’omicidio volontario aggravato causato da ripetuti maltrattamenti della figlia, per il quale è indagata anche la madre in concorso si farebbe fatto sfuggire durante i lunghi interrogatori di non essere molto legato alla bambina. La coppia, che viveva con i due figli a Sant’Egidio del Monte Albino, si sarebbe accusata a vicenda.

La donna ha raccontato di come il marito torturasse la piccola, pizzicandola sulle guance e tirandola per il collo. Lei non avrebbe reagito per paura di essere picchiata. I maltrattamenti, secondo la donna, sarebbero iniziati perché Passariello non voleva una figlia femmina. Le violenze dell’uomo avrebbero spinto i servizi sociali del comune ad intervenire

 resta aggiornato sulla tua citta’

Se vuoi ricevere le nostre news via whatsapp basta cliccare sul pulsante sotto salvare il numero ed indicare la città  REGISTRATI